« "Mi Piace"... non mi piace affatto. | Principale | Internet come Patrimonio Universale dell'Umanità. Sono d'accordo. »

domenica, 02 maggio 2010

Commenti

Michele

Restando in tema di lavoro, caro Stefano, in passato hai svolto una professione per la quale da ragazzino ti ho invidiato (in senso positivo) ed apprezzato molto: il redattore. Ma non di una qualsiasi rivista, il redattore di ZZAP! Poi andò forte anche The Games Machine (dell'era Amiga, Atari St), ma Zzap... eh... Zzap era un'altra cosa, lacrimuccia nostalgica.
Anche se consultabili online, Ancora oggi mi pento amaramente di non aver conservato le riviste originali (non perdevo un numero!).

Marcello

E' che quella della mayday è una delle poche manifestazioni "dei centri sociali" dove non ci sono mai stati problemi di sicurezza nè incidenti "rilevanti" dal punto di vista dell'ordine pubblico.

In questi giorni è stata fatta una campagna di "demonizzazione" che ho trovato decisamente artificiosa e pretestuosa. Hanno cercato di schiacciare la manifestazione facendola passare per qualcosa che non è. E, tra le varie critiche che ho sentito, c'era appunto chi diceva "è uno schifo, lasciano tutto sporco poi, è uno scandalo che sfilino per il centro di milano".

E intanto nessuno aveva da ridire su questo:
http://milano.repubblica.it/cronaca/2010/04/29/foto/tributo_al_camerata_fra_croci_celtiche_e_tricolori-3715402/1/

Stefano "Galla"

Per la verità questo post non voleva essere un attacco a chi butta le cose per terra. Con tutta onestà la stragrande maggioranza delle persone cerca di gettare bottiglie e cartacce nei cestini, ma per ragioni di sicurezza, durante le manifestazioni, i bidoni vengono tutti rimossi e quindi non resta che lasciare ogni residuo a bordo di marciapiedi o muri.

Marcello

E' vero, diverse decine di migliaia di persone che sfilano e festeggiano per strada lasciano un sacco di spazzatura.

Ma ho una domanda che vorrei porre a tutti quelli che gridano allo scandalo per quello "scempio inaccettabile": avete mai visto le piazze dove fanno i mercati all'aperto, quando le bancarelle se ne sono andate?

I commenti per questa nota sono chiusi.