La lucida follia della Berté
Ragioniamo con la testa, non con i piedi.

Parole, parole, parole... inglesi!

CatturaSi chiama DOPPIADIFESA la lodevole iniziativa promossa da Michelle Hunziker e l'avvocato penalista Giulia Bongiorno per aiutare le persone che subiscono lo stalking o sono esse stesse stalker. Non ci avete capito una mazza? Giusto. Ma la colpa la dovete dare alla Bongiorno.

In una puntata di Porta a Porta si è parlato proprio di stalking e, giustamente, un medico psichiatra invitato ha parlato di "Sindrome del molestatore assillante". Cavolo! Questa sì che è una definizione comprensibile!

E invece no! La Bongiorno ha puntualizzato: "No, no! Usiamo la parola STALKING. E' MOLTO più chiara!".

Molto più chiara? Comprensibile? Ma dove viviamo?

Perché ci ostiniamo a usare parole inglesi assolutamente incomprensibili quando abbiamo delle parole italiane chiarissime? Se io parlo di SINDROME da MOLESTATORE ASSILLANTE ho detto davvero tutto. E' evidente anche la gravità della questione. Ci sono parole forti come "sindrome", "molestia", "assillo". Parole molto, ma molto più forti di un insignificante (per noi italiani) "stalking".

Ci sono le parole (italiane), usiamole!

Commenti

claudio

Eh bhè.
Ci sono parole che entrano nel nostro vocabolario pur non essendo italiane perchè sono abusatissime.
Ma un conto è dire: perchè usare "panino dalla strana forma e consistenza con all'interno un wurstel" quando si può usare hot dog. Ma un conto è dire che la parola "stalker" spiega tutto meglio... ecchevordì stalker?

FulviaLeopardi

SE è lei/sei tu che scrive/i su city, grazie per aver segnalato il mio blog
Fulvia (e non Flavia) Leopardi :)

JUANNE SALVADOR PADDEU

La lingua "intellettuale"é sempre stata il francese.La ns musica,i nostri films,le classi dirigenti,i rapporti commerciali e di cultura,sono sempre stati francesi.La musica rock e le seguenti hanno sfondato un po' dovunque,ma l'inglesismo da porte a porte,non viene dal mondo del ritm and blues o da jim hendrix.Viene da un retaggio di criptata ignoranza,forse patologica,dei ns signori,che mai ci spiegarono neanche che fosse l'Europa.E probabilmente,pochi ancora lo sanno.Io mi posso vantare di avere una figlia che parla bene 3 lingue,ma sono frutto di studio e di sgobba,per avere una chance di trovare lavoro.Ma cio' non basta,se l'interlocutore parla l'inglese mimato,l'inglese bongiorno,l'americano dei ns vussia.E' tremendamente difficile trovare spiragli in una babele di spacconerie,di masse ignoranti,che non se ne accorgono di parlarsi da soli.A questo proposito,consiglio forte,il singolo di Ligabue "NIENTE PAURA" che con le sue liriche e rock molto duro,sancisce il divorzio da questo mondo di radical,che non si accorgono di niente/non san quel che fanno/mentre il mondo cambia/anche i sogni svaniscono/se uno lo vuole/e intanto si allarga la nebbia/ e tu avresti voluto vivere al mare.JUANNE SALVADOR

JUANNE SALVADOR PADDEU

Tutto cio'ha origini nella pusillanimità dei ns europarlamentari,che seppur,i piu' retribuiti,con vitalizi,pari a sarkozy,di last minute,hanno subìto da qualche anonima commissione di bruxelles,mentre loro erano,magari intenti a scorpacciarsi in qualche locale vallone,l'onta di vedersi la lingua italiana,depennata dalle lingue ufficiali della U.E..A tutto questo,ci aggiungi una certa stampa,quella severgniana o di altri,che tornano da new york,parlando e scrivendo a se stessi.Io sono sardo,e mi accorgo ancora di piu' che ci stanno arrivando pure da queste parti,loro,i manager asl,a farci lezione,con grande sconcerto dei lettori e pazienti.La lingua sarda é nella costituzione italiana,legge di stato.Ma la provincia,istituisce corsi serali d'inglese,mentre che la spagna fa a gara per sfoderare le migliori tradizioni,senza chiudere un occhio e neanche 2 al modernismo.Un conto é il modernismo,l'altro é l'inglesismo,e quello piu' becero!!Ma che ci quaglia "project financing approvato" dalla asl 3 con progetto di accorpamento delle strutture con nuovi strumenti di finanziamento!!Il sottoscritto,quotidianamente,deve ricorrere al dizionario letterario e quello commerciale,italiano-inglese e inglese-italiano,per poter spiegare ai miei vecchi,a che ora é aperto l'ambulatorio,a che ora se ne vadano a casa i ns baldi sicul/sar/lom(svizz/inglesisti,tutti friends di quei severgninisti.JUANNE SALVADOR

emisferodestro

SATURNIA TELLUS

Saturnia tellus. Satùrnia tèllus. Terra di Saturno.
Così è definita la nostra penisola nelle Georgiche di Virgilio.
Saturno, antica divinità dell’agricoltura, una volta spodestato da Giove si sarebbe rifugiato nel Lazio. Altro nome è Ausonia, terra degli Ausoni, primi abitatori della Campania. E ancora, Enotria, terra del vino, dal greco òinos . Ma la storia decide di chiamare la nostra nazione con il nome di Italia, dal latino vìtulus, vitello, terra dei vitelli.
Introduzione doverosa per mettere bene in chiaro le radici del popolo italiano anche attraverso l’etimologia della meravigliosa parola Italia, dal suono solare.
La puntualizzazione dell’avvocato penalista Giulia Bongiorno, non è altro che il frutto di questa catastrofica involuzione della lingua italiana. Quindi, l’ennesima conferma che noi italiani non sappiamo preservare una delle più belle lingue al mondo, figlia del latino. Posso comprendere che una lingua antica possa estinguersi, ma non per questo da considerarsi indifendibile. Nostro padre, il greco, e nostra madre, il latino, ci hanno donato in eredità un tesoro di inestimabile valore. Per noi si sono amati e dal loro amore è nata la nostra lingua, ricca di suono e bellezza estetica.
Curioso popolo siamo, autolesionisti al massimo, stiamo smarrendo l’autenticità di essere nati da innumerevoli culture e di avere conquistato la nostra unicità e unione con tanto sacrificio. Adesso, giusto per non cadere in contraddizione, abbiamo deciso di abbandonare e quindi condannare anche la nostra lingua. Credo sia raro e altrettanto importante, mettere assieme una infinità di dialetti e diverse lingue, sotto un unico parlare. Cito il sardo che tanto è bello quanto in simbiosi con l’italiano. Ma come la Sardegna, quante altre meravigliose e differenti realtà convivono con la propria lingua madre, l’italiano appunto. E voglio ripetere le parole Italia e lingua italiana affinché restino bene impresse nella nostra smemorata mente.
Mia mamma è islandese e mi racconta dell’amore che nutre per la sua lingua che, a differenza di quella italiana, viene protetta e correttamente parlata.
Tornando alla Bongiorno, vorrei ricordarle semmai lo avesse dimenticato, che gli stessi inglesi utilizzano parole latine e che i romani portarono arte, cultura, ingegno, nella loro nordica terra che tanto insistono a differenziare dalla Comunità Europea.
Bisogna riconoscere che per quanto concerne la lingua, l’Inghilterra è riuscita direttamente o indirettamente a renderla la più utilizzata al mondo. Merito o non merito, la sostanza è questa perché così si è scelto di fare.
Inoltre, vorrei ricordare alla Bongiorno che il buon esempio dovrebbe arrivare soprattutto da persone di cultura come lei, in considerazione del fatto che oramai sia alla radio che alla televisione, per non parlare della politica, si commettono molti errori che male fanno pensare a coloro che l’esempio dovrebbero anzitempo ricevere.
Mentre mi preparo ad assistere alla nascita di una nuova aurora polare, nel mio caso specifico aurora boreale, vorrei infine aggiungere e ricordare alla Bongiorno che il decadentismo culturale di un popolo si vede anche dalla distruzione della sua lingua, e che parlare bene la propria lingua è segno di una attenta preservazione della stessa.

Om mani padme hum. Salve o gioiello nel fiore di loto.

emisferodestro

PuroNanoVergine

Basterebbe chiamare l'avvocatessa "Hello July".

Forse ritratterebbe lo stalking ;-)

I commenti per questa nota sono chiusi.