Cocaina di fine anno. Fine di tutto.
I buoni propositi del 2009

Gli artisti non hanno età.

Folies Ho trascorso l'ultimo dell'anno a Le Folies Du Lac il più grande Music-Hall del sud della Francia. Ballerini, acrobati, illusionisti, tette e culi al vento, in un turbinio di suoni, musica, colori e allegria.

Il Music-Hall, il nostro Varietà di un tempo, ha un posto d'onore in Francia, così come in Inghilterra e in Germania. Noi, invece, ce lo siamo scordati. Eppure avevamo Macario, Delia Scala, Walter Chiari, Wanda Osiris, Paolo Panelli, Bice Valori, Franca Valeri, Gianni Agus, e centinaia di altri artisti straordinari che sapevano fare molto bene il loro mestiere.

Arturo Brachetti ha ripescato quel clima divertente e divertito nella sua ultima fatica, Varietà Brachetti, proprio perché chi ama il teatro ama anche "quel" tipo di teatro. Un teatro fatto di persone e di capacità. Solo quelle. Con l'aiuto di lustrini e di piume, e senza l'inganno della tv.

Il Varietà in Italia ormai è soltanto Amici, con Maria De Filippi che si destreggia fra ballerini e cantanti dove a contare è molto più la faccia e la recitazione di un ruolo piuttosto che le capacità. Tutti giovani, belli e pieni di sé. E gli altri? Dove mettiamo i quarant'enni che fanno spettacolo da oltre vent'anni? Dove mettiamo gli acrobati, gli illusionisti, i cantanti, gli equilibristi, i ballerini e tutti gli altri che hanno dato lustro al teatro di Varietà per molti anni? Li gettiamo dalla finestra?

In Italia sì.

Ma in Francia no. Il Varietà è fatto da straordinarie trapeziste quarantacinquenni, equilibristi sui cinquanta, performer sessantenni. E' fatto da artisti. Indipendentemente dall'età.

Se sei un artista e hai più di trent'anni, in Italia sei morto. Nel resto del mondo cominci a vivere.

Commenti

Sidney

La madre della mia fidanzata vive nel sud della Francia, da 8 anni.
Una seconda giovinezza, per il modo di afforntare la vita, di vivere e soprattutto per le possibilità, non solo per gli artisti ma anche per le persone normali, a cui non viene mai a meno la speranza e la voglia di esprimersi e provare ad emergere.
DA noi il gioco piu' ambito è fare invecchiare le persone come il vino pr poi ritirarle fuori dalla cantina come pezzi pregiati oramai ammuffiti e con le ragnatele.
Mentre nel frattempo loro hanno fatto splendere i palcoscenicialtrove, come ad esempio oltr'alpe.
Qui invece tutti sono pronti a pretendere, lamentarsi e mostrare attributi per fomentare la Tv spazzatura e il gossip.
Quasi fosse pane distribuito a caro prezzo dai fornai nei tempi di carestia.

eliana

Un grande panelli...
Oltre mancare il ricambio, manca la preparazione e la passione per ciò che si fa'...e non per convenienza.

Marcello

Uhmmmm...

Giusto domenica pomeriggio ho visto gli ultimi 10 minuti di Domenica In: conduceva da Pippo Baudo (classe 1936) che ha presentato Milva (classe 1939).

Il problema è che manca il ricambio. Fuori dalla fascia "giovani e belli" i posti sono già tutti presi da questi dinosauri inossidabili, chi comincia ad avere mestiere oltre a una bella presenza non trova spazio per muoversi.

Verifica il tuo commento

Anteprima del tuo commento

Questa è solo un'anteprima. Il tuo commento non è stato ancora pubblicato.

In elaborazione...
Il tuo commento non può essere pubblicato. Errore di scrittura:
Il tuo commento è stato salvato. I commenti vengono moderati e non compariranno finchè non saranno approvati dall'autore. Pubblica un altro commento

I numeri e le lettere che hai inserito non corrispondono a quelle dell'immagine. Prova di nuovo.

Come ultima cosa, prima di pubblicare il tuo commento, inserisci le lettere ed i numeri che vedi nell'immagine qui sotto. Questo impedisce che programmi automatici possano pubblicare dei commenti.

Fai fatica a leggere quest'immagine? Visualizzane un'altra.

In elaborazione...

Scrivi un commento

I commenti vengono moderati e non compariranno finché l'autore non li avrá approvati.

Le tue informazioni

(Il nome e l'indirizzo email sono richiesti. L'indirizzo email non verrá visualizzato con il commento.)